Nella progettazione di giardini costieri in ambito mediterraneo è importante tenere conto delle loro esigenze particolari dovute al clima, alla salinità dell’aria e alla presenza del vento. Tutti questi, infatti, sono fattori che limitano la crescita di molte piante ma sono invece tollerati da altre che si sono adattate a crescere proprio in queste condizioni.
Nella progettazione dei giardini costieri è fondamentale la delimitazione attraverso le siepi, non solo per la privacy ma anche per proteggere le altre specie più delicate dal vento e da altri fattori di disturbo. Le piante dei giardini di zone costiere, in ogni caso, devono essere quindi robuste e resistenti come ad esempio la Elaeagnus x ebbingei, forte, robusto, dal fogliame lucido e coriaceo e molto resistente al sole.

Altre specie utilizzate nella progettazione di giardini costieri sono Arbutus unedo, bellissima specie della flora mediterranea, sempreverde dalle foglie verde scuro, arricchite dagli inconfondibili frutti rossi e gialli, molto decorativi; la Phyllirea angustifolia, arbusto della macchia mediterranea, dalle foglie verde scuro, sottili e bacche blu e la Pittosporum tobira, un classico dei giardini costieri, molto apprezzato anche per la crescita veloce.

La progettazione di giardini mediterranei può prevedere infine la bordura mista e per creare delle aiuole fiorite si può dare spazio ai cisti, dalle colorazioni variabili, tipici della macchia mediterranea o ai Leonotis leonurus dalle fioriture arancioni molto particolari, perfetto nel contrasto con il fogliame argenteo della Cineraria marittima.